E’ l’intero corpo che ascolta i suoni del gong

Tutti siamo a conoscenza che l’organo deputato all’ascolto è l’orecchio e che quando ascoltiamo i suoni questi ci arrivano tramite il canale uditivo.
Non tutti sanno però che il suono arriva a noi anche tramite una serie di canali non uditivi molto importanti nell’influenzare il nostro sistema mente corpo.

Una evidenza incontrovertibile sono le risposte che il feto attiva quando vengono proiettati dei suoni sulla pancia della madre. Il feto non solo ascolta ma sa anche memorizzare i suoni appena dopo la nascita http://www.lescienze.it/news/2013/08/28/news/suoni_utero_sviluppo_linguaggio-1787726/

I suoni ci arrivano anche tramite la pelle, la quale, grazie alle sue proprietà piezioelettriche e ai corpuscoli di Pacini, riesce ad “ascoltare” i suoni e a discriminare tra le frequenze (Verrillo R.T. Vibration sensation in humans, Music Perception, 1992 n 9 (3) pg 281-302).

Anche i muscoli e il tessuto connettivo sono in grado di trasmette il suono attraverso strutture proteiche.

Un esempio straordinario di come si possa ascoltare (e suonare) musica senza passare dal canale uditivo ce la fornisce Evelyn Glennie, percussionista totalmente sorda e talmente virtuosa da suonare in diverse prestigiose orchestre nonché con jazzisti di grandissimo livello e con Bjòrk.
In questa Ted conference

la Glennie ricorda che quando aveva 12 anni e stava iniziando a imparare a suonare le percussioni disse al suo insegnante che le chiedeva come lei avrebbe potuto ascoltare: “io ascolto anche attraverso le mani , le braccia, gli zigomi, il cuoio capelluto, la pancia, le gambe…”

Il sistema di cellule MC detiene poi un’importanza specifica nella trasmissione dei suoni per via extrauditiva. Queste cellule costituiscono un sistema di sensori e trasduttori di campi elettromagnetici e sono presenti in varie parti del corpo.
Oltre che nell’orecchio infatti si trovano nell’apparato digerente, respiratorio, nella tiroide, nella mucosa uterina e, come cellule ematomidollari, nei linfociti, leucociti e macrofagi.
Ciò significa che queste cellule comunicano con il sistema nervoso autonomo e con il sistema neuro-endocrino-immunologico. (vedi il video: https://www.youtube.com/watch?v=32tvAmT2Z6g )

Tutto questo ci dice che i suoni modificano molto in profondità il nostro sistema mente e corpo agendo sulla pelle, sui muscoli, sul sistema connettivale e sulle cellule MC.
Il suono agisce quindi sul sistema nervoso, sul sistema immunitario ed endocrino, così come sugli organi e sull’intera psiche.

Se poi i suoni sono quelli riequilibranti e trasformativi dei gong l’esperienza di ascolto e ricezione diventa  altamente  rigenerante per l’intero corpo e, naturalmente, per l’intera psiche, che dal corpo, si sa, non è affato separata

Fausto Radaelli

Annunci

Dormire nei suoni del gong

Durante i bagni di gong succede spessissimo che le persone si addormentano, almeno per parte della durata dell’evento. Ciò che sembra accadere è che le persone entrano e escono da stati mentali diversi durante il bagno di gong, il che significa, parlando in termini neurofisiologici, che passano da onde cerebrali beta a quelle alpha, theta e delta non in modo lineare ma spostandosi attraverso queste onde elettriche generate dall’attività cerebrale. Gli stati di coscienza vengono così modificati durante la ricezione dei suoni e vibrazioni del gong.

Ma perchè viene detto ai partecipanti di lasciarsi andare al sonno se questo sopraggiunge durante il bagno di gong ? Prima di tutto perchè un principio fondamentale nel processo di autoguarigione con i suoni e con le vibrazioni è quello di non combattere nulla, di lasciarsi andare all’esperienza totalmente, in una dimensione di ricettività completa.
Meno si fa, anche mentalmente e più i suoni e le vibrazioni benefiche del gong possono esplicare, attraverso il principio della risonanza, il proprio potere di riequilibrio vibrazionale ed energetico. Se ci si addormenta significa che il cervello si è arreso e non vuole a tutti i costi controllare ciò che sta accadendo.
Naturalmente si può entrare in uno stato profondo di rilassamento senza entare nel sonno ma per molte persone cadere nelle braccia di Orfeo è il modo più semplice di lasciare ogni resistenza mentale e annullare il costante chiacchericcio della mente.

Durante il sonno la nostra mente è in grado di elaborare informazioni sensoriali, come dimostrato da molte ricerche scientifiche. Oltre a consolidare i ricordi di eventi vissuti durante la veglia e aiutare a cementare in maniera più solida le nuove abilità, il sonno permette anche di formare associazioni nuove tra imput afferenti da organi di senso diverso (ad es si veda lo studio pubblicato sulla rivista “Nature Neuroscienze” condotto da Anat Arzi del dipartimento di Neurobiologia del Weizmann Institute of Science di Rehovot).
Sappiamo inoltre che il sonno è fondamentale per prevenire molte malatie degenerative del cervello e che durante il sonno il nostro cervello attiva un processo di “pulizia” di rifiuti metabolici cerebrali (si veda lo studio pubblicato su Science da Maiken Nedergaard e collaboratori dell’University of Rochester, Medical Center )

I benefici del sonno sono molteplici : memorizzazione di nuove informazioni, diminuzione delle proteine infiammatorie, prevenzione di stress e depressione, stimolazione della creatività. Rispetto a quest’ultimo punto uno studio del Prof.Jeffrey Ellenbogen collaboratori dell’Università di Harvard ha evidenziato che il sonno porta a un miglioramento del 33 % nella capacità di eleborare nuove soluzioni.

Molti di questi benefici si producono dormendo ore ma anche l’ entrare nel sonno per un periodo di tempo limitato permette di ottenere notevoli effetti quali : riduzione dello stress, miglioramento della concentrazione e delle capacità creative e riequilibrio del funzionamento nervoso.
Se a questi generici effetti del sonno breve aggiungiamo i potenti effetti riequilibranti dei suoni e delle vibrazioni del gong ciò che ne risulta è un’esperienza di grande rigenerazione trasformativa.

Durante la notte dei gong, detta anche gong puja (puja è il termine che in sanscrito significa onore e attenzione devozionale), evento creato da Don Conreaux, i partecipanti ricevono per l’intera notte, dalle 10.30 alle 6.00 del mattino seguente, un flusso ininterrotto di suoni e vibrazioni di gong.
In pratica le persone dormono cullate dai gong. Questo mix di sonno e ricezione dei gong induce spesso nei partecipanti, dalle testimonianza di chi l’ha sperimentato, un processo di profondissimo riequilibrio psicofisico.
Rigenerazione, intuizione, consapevolezza, nutrimento, integrità, unità: sono queste le parole che le persone dopo una notte di gong riferiscono come descrittive dell’esperienza vissuta. Segno che dormire accompagnati dal costante flusso dei soffici suoni dei gong porta a sperimentare, a livelli anche estremamente sottili, processi altamente trasformativi.
Dormite, gente, dormite…..

Fausto Radaelli

Calendario BAGNI DI GONG ed EVENTI Dicembre 2015

 

Ogni lunedì alle 20.30 bagni di Gong per piccolo gruppo nella saletta “mygongexperience !” a Montemezzo (CO). Max 5 partecipanti . Prenotazione obbligatoria  : Fausto cell 3388286879, e mail: gongtransformationgong@gmail.com

Calendario BAGNI DI GONG ed EVENTI  Dicembre 2015

7 Dicembre 2015 ore 19.00 Meditazione orientale con Bagno di Suoni, presso il polo culturale Mosaica Book Bar, Via Anna Magnani 1, Corti dell’Abate, Lido di Camaiore (LU).  info e prenotazione: 3391590640 – 3389911166

8 Dicembre 2015 ore 21 Bagno di Gong  Shiva-Shakti, presso il polo culturale Mosaica Book Bar, Via Anna Magnani 1, Corti dell’Abate, Lido di Camaiore (LU).  info e prenotazione: 3391590640 – 3389911166

15 Dicembre 2015 ore 21,  Bagno di Gong  presso  Arci Lecco, via Cantù, 18 Lecco, tel e fax 0341 365580 (www.arcilecco.it)

17 Dicembre 2015  ore 20.30 Bagno di Gong presso Totem studio , (http://www.totemstudiocolico.it) Via stallone 7 Colico (LC) Tel. 320 0722238

18 Dicembre 2015 ore 20.30 Bagno di Gong presso Marion cafè, Ristorante Marion, Via Cadorna 17 Costa Masnaga (LC) . Prenotazione obbligatoria: info@ristorantemarion.com, tel 031.855052

21 Dicembre 2015, ore 20.30 Bagno di Gong  del  Solstizio d’ Inverno presso saletta “mygongexperience !” a Montemezzo (CO). Max 5 partecipanti . Prenotazione obbligatoria (Fausto:  3388286879, gongtransformationgong@gmail.com )

 

31 Dicembre 2015,  ore 15.30, Bagno di Gong presso Centro di meditazione Fontallorso, Pelago (FI)